Il cocktail perduto: Diego Re e il…

barman diego re

barman diego reIl cocktail perduto è quel drink che è stato “dimenticato” per motivi che possono essere diversi tra di loro, e che in ogni caso hanno fatto in modo che il drink non abbia la visibilità che invece meriterebbe, secondo il parere del Barman di turno.

Il cocktail perduto è quel drink che non viene più richiesto, o poco reclamato, perchè passato di moda in favore di altre miscele.

In molti casi il cocktail perduto è invece meno conosciuto perchè al di fuori degli ordinari drink menù oppure non familiare ad alcuni barman.

Il cocktail perduto è anche quel drink che, seppure noto, subisce pregiudizi o appaia di difficile approccio.

Il cocktail perduto è anche, e soprattutto, un modo efficace per far conoscere quelle ricette che meriterebbero più conoscenza; per arricchire la cognizione di questi cocktail alcuni tra i più abili e noti professionisti del banco esprimono il proprio parere, donandoci un cocktail perduto.

Diego Re è un barman molto esperto, un vero ricercatore che è difficile dimenticare quando si ha a che fare con lui, per via delle sue creazioni e della propria personalità, che non gli consente di passare inosservato.

white russianDiego ha un concetto molto particolare del proprio cocktail perduto, che accomuna alle proprie esperienze personali:

“Il drink che dovrebbe avere maggior risalto è il White Russian, un cocktail che ho amato anche da prima che facessi il barman, e che trovo un ottimo afterdinner, ideale in estate ed in inverno, senza distinzione.

Il drink è indubbiamente legato al personaggio di “Drugo” Lebowski, personaggio del film “Il grande Lebowski” con il quale mi identifico per l’anticonformismo, ma soprattutto per le situazioni paradossali nelle quali viene coinvolto.

Un ulteriore punto di contatto con il personaggio è che si trova immerso in una sfida in cui non vuole esser immischiato, ma che si trova ad affrontare per l’assurda tenacia dei rivali, proprio come me”

Scheda del drink

white russian

 

Lascio un commento