Aperol, dallo spritz alla soda

aperol

Aperol in breve…

aperol

Aperol è un aperitivo alcolico tra i più famosi e consumati, dall’ aperitivo al dopo cena, ma soprattutto prima dei pasti.

L’Aperol è una miscela aromatizzata con una gradazione alcolica piuttosto leggera, pari all’11% di volume alcolico, dal colore tipicamente arancione.

Possiamo tranquillamente affermare che, con il Campari, si gioca il primato per la bottiglia più utilizzata, opportunamente miscelata con altri alcolici e analcolici, in tutto il paese durante il nostrano e celeberrimo rito dell’aperitivo.

Origini, riscoperta e marketing

Con Aperol si intende dunque l’ingrediente principale e non il drink che viene servito; facciamo un poco di chiarezza: l’Aperol nasce in Veneto, nella provincia patavina, più di cento anni fa e, dopo due cambi di proprietà, passa al gruppo Campari che ne esalta le potenzialità e lo riporta alla popolarità che merita grazie ad una vasta operazione di marketing che comprende la riscoperta del rito dello spritz, l’aperitivo principe consumato nella zona di Padova ed in tutto il Triveneto in generale.

Grazie anche ad una serie di spot televisivi in cui si esalta il rito dell’aperitivo, l’Aperol viene riscoperto anche nel resto del paese ed il prodotto più noto, lo spritz appunto, viene velocemente richiesto in ogni locale della penisola, allargando la propria popolarità anche in Europa, specialmente in Germania e Austria.

L’Aperol viene prodotto attraverso dei procedimenti che seguono rigorosamente la ricetta tradizionale, mai variata nel tempo e soprattutto gelosamente custodita dai proprietari: la ricetta dell’Aperol è infatti assolutamente segreta!

Si sa che comprende l’utilizzo di arancia (anche se probabilmente il colore dell’aperitivo è dovuto alla cocciniglia), di radici naturali e di erbe aromatiche tra le quali spicca sicuramente il rabarbaro.

Spritz e prodotti

L’Aperol è largamente conosciuto per essere il principale ingrediente dello spritz e per essere commercializzato nella tipica bottiglia da 1 litro, recentemente sottoposta ad un restyling, parallelamente al rilancio dell’aperitivo che ha modernizzato il marchio; la nota confezione da 1000ml non è però l’unico prodotto dell’azienda che in realtà propone al pubblico tre prodotti:

APEROL
L’aperitivo alcolico classico, utilizzato per la miscelazione di drink quali:aperol

  • spritz
  • aperol sour
  • aperol soda
  • aperol orange
  • aperol on the rocks
  • aperol shakerato

APEROL SPRITZ
aperol spritzDa non confendersi con lo spritz, peraltro ottenibile in diverse maniere e con basi alcoliche differenti, quali ad esempio il Campari bitter o il Select.

L’Aperol spritz è la ricetta originale proposta dalla Aperol ma non è l’unica ricetta possibile.

L’Aperol spritz viene commericalizzato in bottiglie monouso da 17,5 cl che contengono le parti che compongono l’aperol spritz precedentemente miscelate.

E’ infatti composto da 3 parti di prosecco, 2 di aperol e uno spruzzo di seltz: basta aggiungere del ghiaccio e servire.

APEROL SODAaperol soda
E’ il classico aperitivo venduto in bottiglietta monodose classica da 12,5cl, simile in quanto a packaging al Crodino o all’Aperol soda; contiene aperol e soda water, sapientemente miscelate per ottenere un aperitivo dissetante e blandamente alcolico: l’aperol soda raggiunge infatti solo il 3% di volume alcolico.

Con i suoi tre prodotti principali l’Aperol si è ampiamente riportato nella classifica dei prodotti più venduti, conquistando una larga fetta di pubblico molto vasta grazie alla possibilità di degustare i prodotti offerti sia in qualsiasi locale, dove una bottiglia di Aperol non mancherà mai, sia a casa, grazie alla possibilità di bere un Aperol spritz versando il contentuo della versione 17,5 cl in tumbler con del ghiaccio, oppure per i meno propensi all’alcol, gustando un Aperol soda con alcuni cubetti di ghiaccio.

Leave a Comment