Breakfast Martini, un classico moderno

Il cocktail Breakfast Martini

Cocktail ideato nel 1996 e considerato una sontuosa variante di un Unforgettables cocktail IBA, il Breakfast Martini è rapidamente entrato a far parte di quei drink moderni divenuti già classici.

Drink bilanciato ed elegante, Il Breakfast Martini ha tutte le carte in regola per diventare un prossimo drink internazionale, comprese le nobili origini, una buona storia e – non trascurabile – una strizzata d’occhio al marketing.

salvatore-calabrese-breakfast-martinifoto di reportergourmet.com

Ricetta del Breakfast Martini

La ricetta del Breakfast Martini prevede uno stir all’interno del tin prima di procedere ad agitare lo shaker; questa la ricetta:

  • 1 3/4 oz | 5 cl GINBREAKFAST-MARTINI
  • 1/2 oz | 1,5 cl COINTREAU
  • 1/2 oz | 1,5 cl SUCCO DI LIMONE FRESCO
  • 1 tsp MARMELLATA D’ARANCIA

BICCHIERE: cocktail glass

TECNICA DI PREPARAZIONE: shake and strain

GUARNIZIONE: scorza d’arancia

PROCEDIMENTO

Introdurre gli ingredienti nello shaker; mescolare sino a dissolvere la marmellata con gli altri ingredienti. Agitare vigorosamente, filtrare nella coppa (precedentemente raffreddata) e guarnire con scorza d’arancia.

Storia del Breakfast Martini

Il Breakfast Martini nasce nel 1996, anno in cui il celebre Salvatore “The Maestro” Calabrese – bartender tra i più influenti del pianeta – ha l’intuizione di creare un drink che abbia la marmellata come ingrediente. Partendo da una base di gin e Cointreau – nulla a che vedere con il Martini – Calabrese porta alla luce un drink equilibrato e suadente, che si fa presto conoscere a Londra e dintorni, sino a divenire un classico moderno.

La genesi del drink ha origine da un’intuizione: nella seconda metà degli anni 90, The Maestro lavora presso il Library Bar del The Lanesborough, in Hyde Park Corner, a Londra. Una mattina Susan, moglie di Salvatore, notando la stanchezza del bartender, consiglia al marito di approcciare la giornata con una colazione più sostanzioso che un solo caffè; così suggerisce a Salvatore un toast con marmellata, ed in quel momento avviene l’intuizione.

costruzione-breakfast-martini

 

foto di reportergourmet.com

Il Maestro e il genio

Il Breakfast Martini, oltre alla nota fama, può vantare origini illustri: Salvatore CalabreseThe Maestro – è senza dubbio uno dei bartender più apprezzati e conosciuti al mondo. Protagonista della scena londinese e manager internazionale, The Maestro è stato presidente della UKGB ed è tutt’ora persona molto influente nel settore F&B. La classe e lo stile che lo caratterizzano gli permettono di essere uno dei pochi personaggi della scena, nonché un fine creatore di drink iconici.

Le doti comunicative e la fine tecnica si uniscono a caratteristiche imprenditoriali non comuni. Simbolo di italianità – non a caso il nick The Maestro – Salvatore Calabrese riesce a interpretare i segni del mercato e ad anticipare le mosse. Tra i suoi drink più famosi lo Spicy Fifty – introdotto tra i cocktail ufficiali IBA nella categoria New Era Drinks – e il Salvatore’s Legacy, definito il cocktail più costoso del mondo.

Gin & marmellata

Assodato che il triple sec utilizzato sia il Cointreau, nella ricetta del Breakfast Martini sembra che il gin originario utilizzato dal bartender di Maiori sia il Tanqueray 10. Se ci sono dubbi circa il gin consigliato, non ve ne sono per la marmellata: la Wilkin & Sons Orange Marmalade Fine Cut viene consigliata dallo stesso Calabrese.

ingredienti-breakfast-martini

Un twist

Il drink – un classico sour impreziosito dal bilanciamento tra le note dell’arancia e del limone – può essere considerato una versione elaborata del White Lady. La presenza di marmellata d’arancia non è nuova in un drink: nel Savoy Cocktail Book del 1930, Harry Craddock pubblica la ricetta del Marmelade Cocktail, drink a base di marmellata d’arancia, gin e succo di limone.

Classici moderni

Il Breakfast Martini è considerato un modern classic, così come altri drink di giovane nascita ma già ben posizionati all’interno del comune immaginario della miscelazione internazionale. Tra questi drink, il Gin Basil, il Pornstar Martini e il Bramble.

Vuoi scoprire altri cocktail? Scopri I Cocktail IBA, il ricettario che include tutte le 416 ricette delle 6 edizioni della lista ufficiale IBA, dal 1961 ad oggi.

Lascia un commento