September Morn

cocktail-september-morn

Il cocktail September Morn venne probabilmente ideato da A. S. Crockett, che incluse il drink all'interno del suo celebre manuale del 1931.

SEPTEMBER MORN COCKTAIL

Il cocktail September Morn venne probabilmente ideato da A. S. Crockett, che incluse il drink all’interno del suo celebre manuale “The Old Waldorf-Astoria bar book” del 1931.

Non è del tutto chiaro se il September Morn possa essere considerato un cocktail dell’era proibizionista oppure successivo.

E’ certo che il drink deve il proprio nome ad un celebre dipinto del 1912 del pittore francese Paul Chabas. Il quadro, che ritrae una donna nuda che rabbrividisce nelle acque di un lago, venne dipinto nel corso di tre intere estati.

Quando venne esposto in una galleria d’arte di Chicago venne accusato d’indecenza dal sindaco della città, che denunciò il fatto al tribunale locale. La vicenda suscitò molto clamore e il September Morn di Chabas divenne immediatamente famoso, vedendo la sua quotazione salire vertiginosamente.

In alcune ricette del cocktail viene contemplata la presenza di sciroppo di zucchero.

September Morn è anche il titolo di una nota canzone di Neil Diamond, cantautore e compositore statunitense.

 

cocktail duplexINGREDIENTI SEPTEMBER MORN COCKTAIL

  • 2 oz | 6 cl Light Rum
  • 1/2 oz | 1,5 cl succo di lime
  • 1 album d’uovo
  • 1 dash sciroppo di granatina

BICCHIERE

bicchiere_coppa cocktail

 

 

 

 

TECNICA DI PREPARAZIONE

tecnica shake and strain

 

 

 

 

 

GUARNIZIONE

Nessuna

PROCEDIMENTO

Versare gli ingredienti nello shaker con ghiaccio, agitare e filtrare attraverso lo strainer nella coppa cocktail.

 

SCARICA LA SCHEDA DEL COCKTAIL SEPTEMBER MORN

 

Le altre ricette alla pagina cocktails&co!

 

Summary
September Morn cocktail
Article Name
September Morn cocktail
Description
Il cocktail September Morn venne probabilmente ideato da A. S. Crockett, che incluse il drink all'interno del suo celebre manuale del 1931.
Author
Publisher Name
Professione Barman
Publisher Logo

Leave a Comment