Un cocktail con la birra: The Oriental Godfather

I cocktail con la birra

Nella miscelazione ci sono prodotti versatili e di grande utilizzo, ed esistono prodotti di nicchia o di difficile combinazione. La birra è uno di quei prodotti che sfugge alla precedente constatazione, e i cocktail con la birra costituiscono un mondo a se. Nel panorama del bartending internazionale, la bevanda fermentata per eccellenza non viene utilizzata come meriterebbe, nonostante la facile reperibilità. Ciò dipende dalla possibile interpretazione della birra come bevanda a se stante, oppure alla superficiale conoscenza di essa che il grande pubblico possiede. Il grande interesse che suscita la birra – specialmente derivante dal comparto artigianale – ha permesso una maggiore conoscenza delle caratteristiche della birra, e quindi del suo utilizzo. Così trovare cocktail con la birra nelle drink list di cocktail bar e locali in genere e diventato fatto piuttosto comune, tralasciando quelle bevande tradizionali che non rientrano nella miscelazione internazionale (panachè). Ci troviamo quindi ad osservare molti bartender operare su drink costruiti con l’ausilio di birra, o forse meglio, con l’aiuto delle birre. Tra i primi estimatori e promotori della miscelazione con la birra va debitamente ricordato Gaz Regan, il grande barman inglese. Nel celebre The Bartender’s Bible del 1991 sono pubblicate una ventina di ricette di cocktail con birra, in seguito riprese da altri ricettari. cocktail-con-la-birra

Le due grandi differenze

In The Bartender’s Bible i cocktail con la birra sono definiti con la citazione dello stile birrario. Ale, stout, lager e pilsner sono le birre suggerite nella creazione dei drink. Tale suddivisione indica la volontà dell’autore di consigliare birre generiche, come se considerasse una conoscenza superficiale dei barman rispetto alle birre. La decisione di Gaz Regan non è banale, valutando la data di pubblicazione del ricettario e la conoscenza del settore birrario nel mondo del bar. Attualmente è necessario operare una significativa distinzione tra le due grandi tipologie di birra (in realtà tre…) per selezionare la giusta birra da miscelare. Suddividendo le birre ad alta fermentazione – le ales – dalle birre a bassa fermentazione – lager – è più semplice comprendere l’importanza e il ruolo della birra all’interno del drink. tipi-di-birra

Un cocktail con la birra: The Oriental Godfather

Tra i cocktail con la birra segnalo una creazione di Luca Azzolina, barman di grande esperienza e capace di creare sempre interessanti novità. The Oriental Godfather è un drink fresco e rinfrescante, nel quale vengono esaltate le caratteristiche speziate di una particolare ale giapponese di ispirazione belga. Il drink non è un twist del più classico Godfather, a dispetto del nome, ma un drink originale e molto godibile.

Ricetta del cocktail The Oriental Godfather

Ingredienti:
  • 5 cl Gin Gunpowder
  • 3 cl succo di limone di Sicilia fresco
  • 2 cl succo di miele all’arancia
  • top Kagua Saison
Bicchiere:
  • tumbler alto
Tecnica di preparazione:
  • shake and strain / stir
Guarnizione:
  • cima di timo
  • spirale di limone
Procedimento: Riempire il tumbler con il ghiaccio e lasciare raffreddare. Versare nello shaker con ghiaccio il gin, il succo di limone e il succo di miele. Agitare per qualche minuto e versare nel bicchiere, dal quale è stata eliminata in precedenza l’eventuale acqua disciolta dal ghiaccio. Aggiungere il top di Kagua Saison sino a riempimento, mescolare con lo stirrer e aggiungere una cima di timo e una spirale di limone. the-oriental-godfather-cocktail-con-la-birra  

Gin Gunpowder

Gunpowder è l’Irish Gin prodotto da The Shed Distillery, nella provincia di Connacht, nel nord dell’Irlanda. Il gin è distillato negli alambicchi medievali dell’azienda, grazie all’uso delle botaniche orientali e autoctone. Il carattere speziato e agrumato del gin è enfatizzato dalla presenza di the gunpowder e buccia di pompelmo, che lo rendono unico.

La birra: Kagua Saison

Kagua Saison è la saison prodotta da Far Yeast Brewing Company, inclusa nella linea Kagua. Questa birra ad alta fermentazione di ispirazione belga è arricchita dalla presenza di yuzu e sansho, prodotti tipici giapponesi. Lo yuzu è un agrume simile al limone, il sansho un caratteristico tipo di pepe. Insieme rendono la Kagua Saison una birra unica e di grande carattere.

L’autore: Luza Azzolina

Luca Azzolina è un noto barman con alle spalle una carriera trentennale, spesa nei migliori locali d’Italia , tra i quali Just Cavalli Cafè, Terrazza Martini e Sol Melià. Luca, oltre che barman e capo barman, è un qualificato docente che si occupa della formazione di bartender a 360°.

Vuoi approfondire la conoscenza della birra impiegata nella ricetta del drink?

Lascia un commento