Long Island, non solo a New York

long island

long islandLong Island, o meglio, il Long Island, è il modo più comune per riferirsi al Long Island Ice Tea, tra i cocktail alcolici uno dei più famosi al mondo, appartenente alla lista ufficiale dei cocktail IBA nella categoria Contemporary Classics e, secondo la vecchia classificazione, nella categoria Popular.

Il Long Island (d’ora in poi ci riferimo al Long Island Ice Tea nella sua forma abbreviata e più comune) è spesso inserito nelle liste dei cocktail alcolici più popolari e famosi al mondo: troviamo il Long Island in compagnia dei cocktail più famosi a livello planetario, e cioè insieme e Mojito, Cuba Libre, Margarita, Cosmopolitan, Negroni.

Il Long Island è un cocktail facente parte degli Ice Tea, di cui è indubbiamente il più noto ed il capostipite: tali cocktail hanno la caratteristica di apparire alla vista come grossi bicchieri di thè freddo, avendo il Long Island il colorito classico dell’infuso asiatico: le numerose varianti del Long Island sono annoverate nella lista degli Ice Tea non sempre per il colorito bruno quanto per il fatto di discendere dal Long Island: l’esempio classico è fornito dal Japanese Ice Tea, derivato dal Long Island ma di colore giallognolo, effetto dovuto alla presenza del Midori.
 
Il Long Island nasce proprio nella zona di cui porta il nome e cioè Long Island, la grande isola dello stato di New York, di cui fanno parte alcuni quartieri della Grande Mela: fu Robert Butt, detto Rosebud, durante una competition all’interno del locale nel quale lavorava, al Oak Beach Inn (definito malfamato dallo stesso Rosebud), a creare e servire per la prima volta il cocktail. Il Long Island divenne ben presto il cocktail del locale con il nome di Rosebud Ice Tea, per via del colorito bruno: durante gli anni 80 si diffuse nel resto dello stato e del mondo, assumendo il nome di Long Island Ice Tea.

long islandIn merito al Long Island circola una leggenda, secondo la quale fu creato durante gli anni del proibizionismo statunitense: tale leggenda è nata a seguito della particolarità del nome Ice Tea, dovuta al colorito; tale storia narra che il famoso top di cola, e cioè l’ingrediente che dona il colore, fu adottato per aggirare la severità delle legge anti alcol. La leggenda è curiosa, ma data la complessita del cocktail, sarebbe stato molto più semplice aggiungere la cola ad un singolo spirito invece che ad un cocktail in cui sono utilizzati ben cinque varietà di alcolici.

Questa le ricetta originale del Long Island Ice Tea, secondo la classificazione ufficiale IBA:

  • 1/2 oz vodka
  • 1/2 oz tequila
  • 1/2 oz rum bianco
  • 1/2 oz gin
  • 1/2 oz triple sec
  • succo di limone
  • sweet and sour
  • top di cola

Il Long Island, come già detto, è il capostipite degli Ice Tea, tra cui i più noti sono:

  • Japanese Ice Tea
  • Miami Ice Tea
  • Long Beach Ice Tea
  • Beverly Hills Ice Tea
  • Italian Ice Tea
  • Peach Ice Tea
  • Boston Ice Tea
  • Mexican Ice Tea
  • London Ice Tea

Il Long Island è talmente famoso da essere oramai entrato all’interno della cultura popolare di massa; è possibile trovare citazioni del Long Island all’interno di numerosi film, serie tv e fiction di dominio mondiale, come ad esempio:

  • in “Sex and the City” il personaggio di Charlotte alza troppo il gomito con una serie di Long Island;
  • nei “I Simpsons” nel settimo episodio della dodicesima serre “The great money caper” (In Italia “Trufa oggi, truffa domani”) il personaggio di Marge, dopo avere bevuto numerosi Long Island, esclama “mi piacerebbe visitare Long Island, se solo esistesse”;
  • nella serie “Una mamma per amica” nel terzo episodio della seconda serie “Red light on the wedding night” (“Ripensamenti”) Lorelay espone alla figlia Rory un grazioso paralleleismo tra la seduzione del Long Island paragonandolo alla notte di nozze, e viceversa.

long island ice teaIl Long Island, data la miscelazione degli ingredienti che lo compongono, è spesso ritenuto come un cocktail molto alcolico: cioè dovuto non tanto dal numero di distillati quanto al volume di alcol presente nel cocktail e cioè  2 once e 1/2.

Una curiosità per coloro i quali aspirano a diventare barman ma non vogliono precludersi il piacere di prepararsi i cocktail: la ricetta del Long Island è facilmente memorizzabile, se si considera che è costituito dai 5 spiriti bianchi: vodka, tequila, gin, rum chiaro e triple sec.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *